Search article
 
FRAME COLLECTION
Home Project
close
In this photo: WING Armchair
loading...

Frame is a collection of furnishing items that combines design and technology resulting in a dramatic yet simple effect. Each single item is distinctive with its own clearly defined and original form. Details are carefully crafted using a combination of wood, glass and aluminium. Frame represents today’s modern style with its clean lines and adaptability. With added emphasis on the needs of modern daily living, this practical modular system is perfect for the demands of today’s ever changing lifestyle.

Design : Giuseppe Bavuso.

Frame is a collection of furnishing items that combines design and technology resulting in a dramatic yet simple effect. Each single item is distinctive with its own clearly defined and original form. Details are carefully crafted using a combination of wood, glass and aluminium. Frame represents today’s modern style with its clean lines and adaptability. With added emphasis on the needs of modern daily living, this practical modular system is perfect for the demands of today’s ever changing lifestyle.

Design : Giuseppe Bavuso.
Nome
Nome

Testo
This items has been selected and used for the following prestigious projects:



 

COLOURS AND FINISHES 2013
Fabrics / leathers PDF

LEATHERS | FABRICS | MATERIALS

 
SHANGHAI LSH1:Bookcase HF2 - HF3:Television / HI-FI unit
we also suggest:
SHARE : Share on Facebook   Share on Twitter   Share on MySpace   Share on LinkedIn   Share on V-Kontakte   Share on Orkut

PRODUCT CARE INFORMATION
   How do I clean leather upholstery?
   How do I clean fabric upholstery?
   How do I clean suede?
   How do I care for marble surfaces?
   How do I care for wooden surfaces?
   How do I clean metallic structures?

WARRANTY & AUTHENTICITY
   How to recognize an original ALIVAR product?
   What is an authenticity certificate?
   The information manual?
   What kind of warranty do I have ?

INFORMATION AND ASSISTANCE
   How can I obtain a copy of your catalogue?.
   Where can I buy ALIVAR products ?
   I need to replace a part who do I contact for replacements?

I CLASSICI DEL MOBILE MODERNO
   Qual è la collezione che riproduce le opere dei grandi maestri ?
   Cos’è la scuola del Bauhaus ?

INFORMAZIONI GENERALI SUI MATERIALI IMPIEGATI
   Lo sapevate che ….

CURIOSITÀ SUL DESIGN
   Cosa significa il termine Design ?
   Quali sono le origine storiche del Design?



PRODUCT CARE INFORMATION
top
   How do I clean leather upholstery?
Leather
In order to maintain the inherent features of leather upholstery regular cleaning and care treatments are necessary. Regularly wash the armchair with water and neutral soap and then apply a coating of nourishing cream on the entire surface of the same, as the cream acts to saturate the leather and delays any stain absorption. Do not use micro-fibre cloths as they may remove the grease and damage the leather itself. We recommend that this nourishing cream be used once or twice a year (or whenever the leather appears to be dry). To remove any stains use a paper tissue or cotton cloth. Do not rub. Press the cloth against the stain to absorb the grease and use a delicate detergent dissolved in water to remove any rings.

Waxed Leather
To remove any stains from waxed leather use a clean cloth soaked with a solution of 90% water and 10% transparent neutral soap. Rub gently and dry with a soft. Dry cloth.

Nabuk leather
Dust down occasionally using a clean white cloth, that must be dry and non-abrasive. In the event of stains caused by water soluble substances (beverages, coffee, tea. Milk, jam); rapidly remove the liquid from the surface mopping up with a white cloth soaked in water, rube gently from outside to the inside using a clean cloth. Do not soak the leather surface and immediately dry with a dry cloth.

Pony hide
To keep the hide clean, brush occasionally using a soft brush in the direction of the hide hair, To remove any stains use a cotton cloth soaked in water with a neutral soap and rub gently always in the sense of the hide hair, and then mop with an absorbent cloth.


   How do I clean fabric upholstery?
It is advisable to occasionally brush the fabric upholstery using a soft brush. As regards the washing, drying and ironing instructions, we recommend that you precisely follow the care instructions as indicated on our sample. In the event of stains, it will be necessary to avoid the use of any chemical products, solvents or anything else, and the product should be sent exclusively to a qualified cleaning laboratory.


   How do I clean suede?
Gently clean the surface using a cotton cloth or any other soft cloth soaked in a solution of 5% neutral detergent for wool. Thoroughly remove all traces of detergent with a damp cloth, and then apply a suede protective substance when dry. Should the suede surface become wet, dry as soon as possible using a soft, dry cloth. Suede may be damaged by using brushes with bristles made of nylon or any other synthetic fibres, or solvents containing alcohol, petrol or alkaline acids. Avoid contact with oily liquids.


   How do I care for marble surfaces?
Marble is a beautiful natural material which nature has made both practical and functional. Each marble item is unique, and requires adequate care to protect it against stains and fading etc.
Most people believe marble to be almost impenetrable. While on the contrary it is a type of calcareous stone that is highly compact and therefore much more porous than it would first appear. So that it is liable to staining on contact with food, liquids and certain cleaning products, especially if they are left on the surface for some time. Liquids or other substances that are even slightly acid, may cause the corrosion, fading or deterioration of the marble itself. So that it is advisable to use coasters to protect the marble and to care for it in the same way as wood. That is, protect it from heat or items that may scratch or stain the surface. Always use tablecloths or coasters and always clean immediately in the event of any spillage.
Marble surfaces are finished in various ways by Italian manufacturers. They are either varnished in three coats or lead polished (natural polish) or with a matt finish in the case of Travertine marble. All these finishing treatments help to protect the surface against spillage and stains.
The best way to maintain the natural features of marble surfaces are as follows:
If your table is polyester varnished:
- you need only rub it down with a damp cloth to remove any kind of stain or spillage. Then dry and make sure that you do not leave wet or damp objects on the table for any length of time.
- If the surface is slightly scratched, rub down with emery paper 1000 and then polish using a good car wax, such as SEARS “WAXCOA” or “WAXMASTER”
If your table is naturally polished:
- Treat it occasionally using a coating of the anti-stain liquid that we supply. The surface may also be polished using a chamois cloth or a wax paste or liquid for cars.


   How do I care for wooden surfaces?
For the wooden parts: simply use a soft cloth, lightly damped with water and then dry using a soft, dry cloth, to avoid any scratches or abrasions.

For the lacquered parts: use a soft cloth and non-abrasive detergents; or simply a micro-fibre cloth. In the event of stubborn stains, very diluted ethyl alcohol may be used, but only for shiny lacquered surfaces. Totally avoid the use of acetone, trichloroethylene and ammonia and the use of abrasive crams or steel scouring pads which would irreparably scratch the lacquer.

For the laminated parts: use a soft cloth and a specific detergent product; or simply a micro-fibre cloth. In the event of more stubborn dirt, use a sponge with liquid detergents or glass cleaning detergent. Remove all traces of the product with a dry cloth to event any streaking or dulling.


   How do I clean metallic structures?
To clean either varnished or polished metal avoid using any chemical products, abrasives, or solvents as they may scratch the surface. Chromed items should be cleaned only using specific products.



WARRANTY & AUTHENTICITY
top
   How to recognize an original ALIVAR product?
We recommend that you always ask the retailer from whom you buy the product for an ALIVAR warranty and authenticity certificate, while the padded products will always bear an ALIVAR identification mark under the chair cushion.


   What is an authenticity certificate?
The AUTHENTICITY certificate is a label attached to the item certifying that it is an original ALIVAR product and that the product has been produced in accordance with the original design of the designer.


   The information manual?
Is a product fact sheet containing information on the features of the product and the materials used to make it, it also contains a section dedicated to the main use and maintenance instructions. The product fact sheet should therefore be carefully stored as it contains information that may prove useful in the future, such as the warranty certificate.


   What kind of warranty do I have ?
ALIVAR has adopted the UNI EN ISO 9001:2000 quality system, which we can guarantee thanks to the certified reliability of our products. See applicative standards on the certificate.



INFORMATION AND ASSISTANCE
top
   How can I obtain a copy of your catalogue?.
It is possible to see our entire ALIVAR collection on our website www.alivar.com and to download the catalogues in PDF format from the special section of the site. Should you require a printed copy of our catalogue, you can request it directly by e-mail or by filling in the relative form in the contact area of the internet site: www.alivar.com.


   Where can I buy ALIVAR products ?
Our products are distributed in a host of different countries all over the world through an efficient retail network, that covers most countries. In order to find the most representative shops, nearest to you send us an e-mail : alivarçalivar.com or fill in the form in the contact section on internet site www.alivar.com or simply call our customer care service on 055 8070115 for all the information that you require.


   I need to replace a part who do I contact for replacements?
In order to check the availability of replacement parts, you need to contact the retailer from who you purchased our product, indicating the purchase date and the delivery document reference number. Once the availability of the replacement has been verified, the retailer will send the order to ALIVAR. The replacement will either be provided free of charge or against payment, depending on the nature of the problem and the length of time since purchase (warranty period).



I CLASSICI DEL MOBILE MODERNO
top
   Qual è la collezione che riproduce le opere dei grandi maestri ?
Riunire in una sola collezione quei capolavori che hanno fatto la storia dell’arredamento e del design è l’idea da cui è nata ALIVAR MUSEUM. Una linea di mobili e di complementi d’arredo, di bellezza e originalità sempre attuali, che ripropongono intatto tutto il loro fascino.
Alivar Museum è il risultato di un progetto iniziato nel 1984. Un lavoro che richiede grande passione e abbina l’impegno di una selezione competente al rispetto di un rigoroso processo di ricostruzione. Proprio per questo Alivar Museum viene interamente prodotta negli stabilimenti di Tavarnelle Val di Pesa, Firenze, dove ogni singolo pezzo viene controllato, per garantire il massimo della qualità fin nei minimi dettagli.
Oggi Alivar Museum rappresenta la più vasta collezione di classici dell’arredamento prodotta da una singola azienda. Un primato che Alivar è determinata a sostenere con l’orgoglio di sempre.
In realtà il principio ispiratore risale agli anni Sessanta, quando le opere creative dei maestri del design moderno erano visibili solo nei musei o in pubblicazioni specializzate. Rifacendosi alla tradizione del design realizzata nell’operato del Werkbund, alle teorizzazioni del “Neue Sachlichkert”, alle associazioni artistiche ed artigiane, come l’inglese Arts and Crafts, che si proponevano di collegare sinergicamente arte, artigianato e industria, si giunge a considerare in una nuova prospettiva il grande patrimonio di ricerca formale e funzionale espresso nei mobili, negli oggetti del vivere quotidiano.
Da questa intuizione puntualmente approfondita con il passare degli anni é nata la più ampia collezione di mobili di design, prodotta e distribuita da ALIVAR. L’attenzione posta nell’osservare il panorama culturale del nostro secolo, alla ricerca di autori le cui opere di arredamento sono quelle che meglio esprimono il gusto contemporaneo, ha portato a riprodurre nei “Classici del mobile moderno” autori noti al vasto pubblico come Mies Van der Rohe, Alvar Aalto, Eero Saarinen, Le Corbusier, Marcel Breuer. Insieme a questi anche altri designers altrettanto validi e di un’attualità sconcertante, ma meno conosciuti, come Jean Michel Frank, Takehiko Mizutani, Frederick Kiesler, Gerald Summers, Wassili e Hans Luckardt, Isamu Noguchi, George Nelson e Jules Leleu.
La fedeltà filologica é alla base di questa collezione di mobili d’autore e il catalogo ALIVAR MUSEUM (230 prodotti con descrizione bibliografica, storia delle origini e della motivazione ideativa) si é trasformato in un ricco volume, distribuito nelle librerie come oggetto di informazione e ricerca: l’antologia di una prestigiosa serie di mobili di grande eleganza formale, che attraversano il tempo, al di là dei condizionamenti delle mode e delle tendenze. Questi complementi d’arredo, finiti con cura e aggiornati costantemente sulla base di ricerche e studi, fedeli nella forma e nella tipologia dei materiali ai progetti originali, vengono proposti al pubblico di oggi.


   Cos’è la scuola del Bauhaus ?
“il Bauhaus è, e rimane un’idea”.
Ludwig Mies Van der Rohe

Bauhaus è l'abbreviazione di Staatliches Bauhaus, una scuola di arte e architettura della Germania che operò dal 1919 al 1933. Fu la corrente più influente che costituiva quello che è conosciuto come modernismo in architettura. La scuola fu fondata da Walter Gropius e Mendelson a Weimar nel 1919, dalla fusione della Scuola Granducale di Arti Plastiche e della Kunstgewerberschule. Il Bauhaus nacque in Germania ma ebbe sviluppi paralleli anche in altre Nazioni come l’Olanda e la Russia post-rivoluzionaria e più tardi negli Stati Uniti dopo l’emigrazione di alcuni dei maggiori esponenti della scuola. I principi su cui si basava il programma del Bauhaus del 1919 erano stati anticipati, da Bruno Taut, nel suo programma sull'architettura del 1918. Taut era convinto che l'unione profonda di tutte le discipline in una nuova arte del costruire, avrebbe portato una nuova unità culturale. Egli scrive : “A questo punto non ci saranno più confini tra artigianato, scultura e pittura; tutti questi aspetti saranno una cosa sola : Architettura”. Il Bauhaus all'inizio venne largamente sovvenzionato dalla Repubblica di Weimar. Dopo un cambio nel governo, nel 1925, la scuola si spostò a Dessau, dove venne costruita l'Università Bauhaus. Ad ogni modo il Bauhaus ebbe un grosso impatto sulle tendenze dell'arte e dell'architettura nell'Europa occidentale e negli Stati Uniti nei decenni a seguire, e molti artisti che vi furono coinvolti vennero esiliati dal regime nazista. La scuola era focalizzata principalmente sull'architettura, e spesso costruì case popolari a basso costo per il governo di Weimar, ma si occupò anche di altre discipline dell'arte. Il Bauhaus pubblicò un periodico chiamato "Bauhaus" e una serie di libri chiamati "Bauhausbücher". Il capo dell'editoria e del design fu Herbert Bayer. Uno dei principali obiettivi del Bauhaus fu di unificare arte, artigianato e tecnologia. La macchina veniva considerata un elemento positivo e quindi il design industriale e del prodotto ne erano componenti importanti. Veniva insegnato il Vorkurs- letteralmente 'pre corso'; questa materia, che corrisponde al moderno corso di fondamenti di design, è diventato uno dei corsi fondamentali di tutte le scuole di architettura del mondo. Non c'era insegnamento di storia nella scuola, perché si supponeva che tutto venisse disegnato e creato come se fosse la prima volta, piuttosto che pensando ai precedenti. Il più importante contributo del Bauhaus fu nel campo del design dei mobili. Un esempio onnipresente e famoso a livello mondiale è la sedia Cantilever, del designer Mart Stam, che sfruttava la proprietà tensili dell'acciaio. I nomi legati alla pittura Bauhaus che sicuramente tutti conoscono sono Vassily Kandinsky e Paul Klee, ma non di meno sono da ricordare Ludwig Hirshfeld-Mach, Georg Muche e Lazlo Moholy-Nagy. Quest’ultimo è peraltro legato anche al design industriale in quanto dal 1923 al 1928 fu il direttore del “Metal Workshop” che diede un’impronta significativa nel design industriale di oggetti di uso quotidiano che vengono ancora tutt’oggi prodotti, come teiere, lampade da tavolo (la più nota è forse quella di Wilhelm Wagenfeld e Karl J. Jucker che ha una base di vetro tonda ed il diffusore a semisfera in vetro opaco); altri nomi legati al “Metal Workshop” sono Marianne Brandt, Christian Dell e Hin Bredendieck. Josef Albers, il pioniere della cosiddetta “Op-art” è stato nello staff Bauhaus più a lungo di tutti, dal 1920 fino alla chiusura nel 1933. Questo diceva ai suoi studenti: “Un grammo di pratica vale più di un chilo di teoria ed un inizio giocoso sviluppa la capacità individuale. Ecco perchè non iniziamo con la teoria...”. Albers si applicò più tardi (dopo l’abbandono del Bauhaus di Marcel Bruer nel 1928) anche al design dove applicò il concetto di ridurre all’essenzialità l’idea, la forma ed il materiale. Nel campo dell’architettura e del design nomi come Marcel Breuer, Hannes Meyer, Walter Gropius e Ludwig Mies van der Rohe hanno lasciato segni indelebili che ancora oggi risultano perfettamente validi ed attuali; chi non ha mai visto la poltrona con braccioli a struttura tubolare cromata con seduta, schienale e braccioli in cuoio (originariamente in maglia di metallo) di Breuer? Dopo la Seconda Guerra Mondiale l’influenza del Bauhaus si espanse un po’ in tutto il mondo a livello di insegnamento, prima negli Stati Uniti poi in Svizzera, Olanda, Germania, Inghilterra, Giappone e a livello di architettura in Israele.

INFORMAZIONI GENERALI SUI MATERIALI IMPIEGATI
top
   Lo sapevate che ….
ABS: Le resine ABS rappresentano una delle più pregiate mescolanze tra una resina e un elastomero e devono il loro straordinario successo alle ottime proprietà che derivano da questo connubio. La sigla ABS e formata dalle iniziali dei tre monomeri di base impiegati per la loro preparazione: l'acrilonitrile, il butadiene e lo stirene. Le prime resine ABS furono prodotte negli anni Cinquanta. Le loro proprietà fondamentali sono la tenacità, la resistenza all'urto, la durezza superficiale. Perciò sono impiegate soprattutto per la fabbricazione di mobili, componenti per l'industria automobilistica, chassis di televisori, radio, pannelli e simili.

ACCIAO: E' una lega ferro-carbonio. Si tratta di un materiale duro, resistente e lavorabile.

ACCIAO INOX: E' un particolare tipo di acciaio, che può essere definito inox deve avere almeno il 12% di cromo. L'acciaio inox più usato contiene il 18% di cromo e41 10% di nichel. E' un prodotto molto resistente alla corrosione.

ALLUMINIO: Metallo di colore bianco argenteo duttile e leggero. E' utilizzato pressofuso e trafilato. Viene verniciato, o protetto tramite procedimenti di ossidazione anodica che rende gli strati superficiali resistenti ai graffi e alla corrosione.

ALLUMINIO ANODIZZATO: Tramite il processo di anodizzazione è esaltata la naturale capacità di riflessione dell'alluminio e ne aumenta la resistenza meccanica e chimica. L'alluminio trattato è caratterizzato da una deposizione dell'ossido sulla superficie, in maniera omogenea.

CRISTALLO: Qualità di vetro con presenza di ossido di piombo che da al materiale un aumento di densità e di conseguenza maggior brillantezza e indice di rifrazione.

CRISTALLO TEMPERATO: La massa vetrosa semifusa è sottoposta a un brusco raffreddamento che rende il cristallo molto resistente. In caso di rottura si riduce in piccoli frammenti poco taglienti.

CROMATURA: La cromatura è un rivestimento di cromo su un manufatto di ferro o acciaio per proteggerlo dalla corrosione tramite procedimento galvanico: esso infatti limita la formazione di micropile all'azione anodica molto modesta dei giunti dei grani. Altri benefici sono l'indurimento superficiale del materiale ( il cromo è un metallo duro ).
Fattori estetico-decorativo. Rendere il contatto e la superficie di qualsiasi oggetto più belli, lucidi, splendenti e più attraenti. La nichelatura in genere garantisce una soluzione ottimale per tutte le esigenze di gusto e per ogni scelta stilistica.
Fattori tecnico-funzionale. Rendere la superficie dei manufatti più durevole, più resistente al degrado, all'invecchiamento, all'attacco ossidante e corrosivo e all'usura. La protezione contro la corrosione gioca una importanza vitale per la conservazione e la durata dei manufatti in ferro o metalli ferrosi.I vari tipi di nichelatura di solito si distinguono in base allo spessore del rivestimento. Depositi relativamente sottili possono fornire uno strato finale decorativo e resistente alla corrosione, mentre depositi di spessore maggiore forniscono resistenza all’abrasione, oppure consentono di riparare, con un riporto, pezzi logorati all’uso.

IGNIFUGO: Sostanza non infiammabile usata per impedire o limitare la combustione di materiali altrimenti infiammabili.

LACCATURA: Tipo di finitura superficiale, che può essere lucida o opaca. Le vernici più utilizzate sono quelle poliuretaniche.

LAMINATO: Foglio di truciolare o di multistrato rivestito su una faccia con un sottile foglio di resina melaminica, incollata per mezzo di colla a contatto. In questo modo il pannello viene caratterizzato da una superficie dura e resistente. Nella maggior parte dei casi la laminatura viene eseguita su entrambe le facce del pannello, così da stabilizzarne la struttura.

LAMINATO LIQUIDO: Il laminato liquido è una vernice con caratteristiche particolari di resistenza al graffio e idrorepellente . il prodotto è stato studiato e formulato con l’utilizzo di resine particolari e microsfere omogenee selezionate di alta durezza.

NICHELATURA:La più importante ed estesa operazione della galvanostegia è indubbiamente la nichelatura. La nichelatura è una risposta semplice e sintetica che nasce dall'esigenza di nobilitare la superficie dei materiali.

POLIURETANO:Materiale chimico schiumoso

VETRO SATINATO: Tipo di vetro trattato attraverso immersione in acido fluoridrico per rendere la superficie opaca.

VETRO TEMPERATO:Tipo di vetro sottoposto al processo di lavorazione detto tempra, che prevede un riscaldamento del materiale e un successivo rapido raffreddamento. Conferisce alla lastra maggiore resistenza che, in caso di urto, si frantuma in minuscoli pezzi.



CURIOSITÀ SUL DESIGN
top
   Cosa significa il termine Design ?
La parola inglese design significa progettazione (e non disegno) e indica un insieme concentrato di conoscenze, azioni, metodologie e strumenti finalizzati al raggiungimento di uno scopo, che rappresenta l'aspetto fondamentale di ogni attività di progettazione per l'industria. Si tratta di un processo completo e articolato che parte dalle primissime fasi di esplorazione e generazione di un'idea (nota come "concept design") e si svolge fino alla definizione finale di un prodotto e la sua collocazione sul mercato.
Nel corso del tempo il concetto, l'approccio e gli strumenti dell'industrial design si sono articolati nei vari settori industriali e produttivi in cui ha trovato applicazione: nel mondo della progettazione grafica e comunicazione visiva, si parla di "graphic design" e più di recente di "communication design" (Design della comunicazione), nel mondo dell'automobile di parla di "car design", nel mondo dell'abbigliamento si parla di "fashion design" (Design della moda), nel mondo dell'arredamento di "furniture design" (Design dell'arredo) nel mondo dell'illuminazione di "lighting design" (Design della luce) nel mondo degli allestimenti di "exhibition design", nel mondo del colore il "color design", fino ad arrivare al mondo del web dove si parla di "web design". Attualmente esistono molti campi applicativi in cui il design si è affermato, declinato a partire dalla radice primaria di industrial design.
   Quali sono le origine storiche del Design?
La storia della progettazione industriale è molto lunga e articolata, quasi quanto la storia stessa della produzione industriale. Uno dei punti più discussi è proprio la nascita di questa disciplina, per cui esistono diversi approcci.
Il principale fa risalire l'origine al movimento artistico cosiddetto Arts and Crafts, nato in Inghilterra nel XIX secolo, non a caso dov'è nata la rivoluzione industriale, attraverso il quale si assiste allo sviluppo delle arti applicate. Per queste il processo artistico-creativo non è fine a sé stesso, ma ha come campo di applicazione fondamentale la concezione e realizzazione di oggetti d'uso comune; tale intento riceveva un impulso e si sviluppava nel suo innovativo rapporto con i moderni sistemi di produzione ed il progresso nell'utilizzo dei materiali; ciò significava l'uscita da ristretti ambiti artigianali a favore di una produzione seriale ed economica che consentiva di allargare enormemente il pubblico destinatario degli oggetti stessi. La questione della produzione in serie è centrale nella storia del design ma non ne caratterizza per intero la sua realtà.
Altri autori collocano la nascita del design come professione e campo di intervento più definito a inizio '900 con l'attività dell'architetto tedesco Peter Behrens per la AEG, per cui progetterà quasi tutto, dalle fabbriche, ai prodotti industriali fino alla comunicazione dell'azienda. Behrens definiva questa attività "riorganizzazione del visibile". In realtà il termine "industrial design" nasce un po' più casualmente negli Stati Uniti negli anni '40, a quanto pare citato in un documento di un ufficio brevetti.
La storia del design prosegue e caratterizza tutto il XX secolo, laddove i mezzi per la producibilità in serie si intrecciano con le filosofie progettuali moderne, che vedono nell'oggetto costruito un "unicum" che tiene conto contemporaneamente delle valenze estetiche, funzionali d'uso e costruttive, tutte controllate in una logica che è tipicamente moderna e "razionalistica"; a padroneggiarla deve essere il "designer", che assurge a figura di creativo-controllore di tutto il processo a beneficio di una fruizione il più possibile allargata, asettica e quindi per così dire "democratica" di quanto viene prodotto per poter assolvere ad un determinato scopo. Basti pensare, in tal senso, al contributo fondamentale fornito dalla scuola di arti applicate del Bauhaus, vera e propria fucina di idee guida ed allo stesso tempo custode di una sorta di ortodossia dell'agire del designer nella società. Nel secondo dopoguerra le tendenze razionalistiche della progettazione si evolvono, ma lo svilupparsi del mondo produttivo continua a trainare l'idea di una progettazione per il consumo sempre più allargato.
Esistono, e si sono succedute, numerose scuole di design, che si differenziano soprattutto in base all'approccio, o alla metodologia progettuale nonché alla collocazione geografica tanto che si sente parlare spesso di design italiano, giapponese, tedesco, ..., ognuno con le proprie caratteristiche ben riconoscibili.
Nome
Paese
 
LATEST NEWS
CASALTA di Pesa,country house in Chianti
 
An ideal destination in which to enjoy a truly relaxing holiday in the prestigious area of Tuscany, ...
International Furnishing show IMM Cologne
 
ALIVAR is glad to invite you to discover the new Home Project collection at IMM Cologne
ALIVAR |Showroom Milano @GARAVAGLIA Arredamenti
 
ALIVAR is glad to invite you to discover the new Home Project collection at GARAVAGLIA ...

ALIVAR Srl - P.IVA: IT 04295660486 - alivar.com [EN] version
Site map - Siddha-Web